Seleziona Lingua   ENG
twitter facebook pinterest instagram instagram feed rss

Comunicati Stampa

Sciopero Anpac: scarse adesioni e disagi limitati

L’agitazione sindacale promossa oggi dal sindacato di piloti e assistenti di volo Anpac ha causato limitati disagi ai passeggeri, in considerazione delle contromisure assunte da Alitalia, e in virtù dei bassi livelli di adesione allo sciopero.

Alle ore 17.00 l’adesione allo sciopero è stata di soli 110 dipendenti, corrispondente ad appena il 5% della forza lavoro.

A partire dalla giornata di Sabato, Alitalia ha effettuato a una riduzione dei voli in modo da prevenire disagi per i passeggeri, che per la maggior parte sono stati riprotetti con voli alternativi in giornata o comunque garantiti del diritto a cambiare la prenotazione senza penali od ottenere il rimborso integrale del biglietto.

Alitalia ha garantito oltre l’80% dei voli che hanno operato con ottimi livelli di puntualità, oltre l’85%. Tutti i voli intercontinentali hanno operato regolarmente e non hanno subito alcuna cancellazione.

Alitalia ringrazia il proprio personale navigante che comprendendo l’insussistenza delle motivazioni dello sciopero ha permesso di limitarne al massimo l’impatto.

Quanto alle ingiustificate e pretestuose recriminazioni dell’Anpac, Alitalia ricorda che:

•      Il contratto di solidarietà è stato stipulato con tutti i sindacati, compresa Anpac. Il piano industriale della Compagnia non prevede licenziamenti, bensì il progressivo riassorbimento dei dipendenti in solidarietà. I 1.000 licenziamenti evocati da Anpac sono pura fantasia.

•      L’utilizzo della solidarietà nel 2015 è inferiore alla previsione degli accordi sia per l’aumento di attività, sia per i programmi di formazione alla qualità del servizio a bordo, in corso per gli assistenti di volo.

•      In Alitalia Cityliner non vi sono eccedenze e il suo personale non è incluso nel contratto di solidarietà. In Cityliner, Alitalia ha anzi stabilizzato 30 unità. Entro il 2015, piloti Cityliner cominceranno a lavorare in Etihad Airways con prospettive di impiego nel lungo raggio, a dimostrazione che Alitalia, con i suoi partner, oggi offre opportunità e non rischi.

•      Dal 1 giugno entreranno in flotta 2 nuovi A330 di lungo raggio, uno più del previsto, che voleranno con personale Alitalia. Desta sorpresa che proprio un sindacato dei piloti quale Anpac affermi che l’effetto dei due nuovi ingressi è annullato dalla messa in manutenzione di altri aeromobili, quando è evidente che la manutenzione non solo è molto più limitata nel tempo ma è anzi un significativo investimento nel rinnovamento della flotta e nel rilancio delle attività della Compagnia.

•      I voli Blu Air in wet lease riguardano attività charter che non può essere effettuata da Alitalia, la quale nello stesso periodo ha la propria flotta pienamente impegnata nella normale attività di linea. Niente viene quindi sottratto alle operazioni della Compagnia.

Silvano Cassano, Amministratore Delegato di Alitalia, ha dichiarato: “Riconosciamo il diritto di sciopero ma non accettiamo la propaganda di falsità pretestuose”.

 

“Lo sciopero Anpac di oggi è stato un atto profondamente irrispettoso verso i passeggeri, già provati dai disagi derivanti dall’incendio al Terminal 3 dell’Aeroporto di Fiumicino e verso i colleghi quotidianamente impegnati nel rilancio di Alitalia proprio mentre la stessa Alitalia ha varato un piano di investimenti da 700 milioni di euro finalizzato al rilancio e alla crescita”.

 

“Oggi Anpac ha scioperato contro accordi da essa stessa firmati e sulla base di congetture prive di riscontro fattuale. Alitalia non è interessata a confrontarsi con chi persegue in simili atteggiamenti puramente strumentali e improduttivi”.